Mostre 2011

07.06.2012 12:11 a cura di Festambiente

Numerose le mostre presenti a Festambiente che attraverso fotografie, testi e dati presentano temi di attualità di grande rilievo dal punto di vista ambientale e naturalistico. Un modo per coinvolgere e sensibilizzare il visitatore sulle tematiche dell’ecologia e sull’impegno civile e sociale di Legambiente.

ENERGIA IN MOSTRA

Un’area allestita nello spazio della ex chiesa, completamente dedicata alle fonti rinnovabili e all’efficienza energetica, che continuano ad essere il motivo principale di Festambiente anche nel 2011 che ha decretato la vittoria al referendum contro il nucleare in Italia. All'interno dell'area si trova un punto info del Centro Nazionale per le Energie Rinnovabili di Legambiente.

IL 12 E 13 GIUGNO FERMATO IL NUCLEARE

Per ricordarci che abbiamo vinto la dura battaglia combattuta ad armi impari per dire ancora una volta NO al nucleare in Italia. Siamo stati in tanti che con il referendum del 12 e 13 giugno abbiamo detto addio alle bugie sul nucleare aprendo definitivamente le porte alle fonti energetiche rinnovabili e a un futuro migliore. Per dire grazie ai movimenti e alle associazioni ma soprattutto a tutti i cittadini che si sono ribellati all'assurdo ritorno al nucleare: GRAZIE DI QUORUM!

STORIE DA LAMPEDUSA

Gli ultimi giorni di marzo e i primi di aprile del 2011 verranno ricordati come i giorni dell’emergenza a Lampedusa.

Legambiente e Fondazione IntegrA/Azione erano a Lampedusa in quei giorni. Lettere e immagini che raccontano della vita lasciata alle spalle, della stanchezza, delle condizioni in cui si trovano, le file interminabili per ottenere un pasto o per ricaricare il telefono cellulare, dell’indolenza che assilla le loro giornate. Nonostante questo sono grati a chi li ha accolti e fiduciosi di poter cambiare vita.Un “umano sentirsi” che ridimensiona le proporzioni del “pericolo” che l’evento, che alcuni indebitamente hanno chiamato “esodo”, ha portato con sè e che apre importanti spunti di riflessione sul fare accoglienza, sul tradizionale senso dell’ospitalità e quindi sull’essere solidali.

ESPOSIZIONE DEI LAVORI DI SPOT SCHOOL AWARD - Premio internazionale del Mediterraneo

Primo e unico premio in Italia dedicato esclusivamente a studenti e giovani laureati in corsi di scienze della comunicazione, pubblicità e materie affini. Da 10 anni Legambiente propone dei brief su temi portanti delle sue campagne e delle sue battaglie per accrescere la conoscenza e la consapevolezza, sensibilizzare, stimolare l’opinione pubblica. Per il clima contro il nucleare (brief 2010); la lotta alle ecomafie: la tutela ambientale attraverso la scelta e la difesa del principio della legalità (brief 2011) - www.spotschoolaward.it

IN CAMPO CON LEGAMBIENTE

Tutte le attività e gli impegni istituzionali che vedono l’associazione in prima linea nella sfida per la tutela dell’ambiente 364 giorni l’anno. Un’esposizione d’impatto per chi non avesse ancora avuto l’opportunità di avvicinarsi e conoscere l’impegno di Legambiente. www.legambiente.it

I GIOVANI CAMBIANO IL CLIMA CHE CAMBIA

La mostra del progetto "I Giovani cambiano il clima che cambia" (finanziato dal Bando “Azioni in favore dei giovani” come da Decreto del Responsabile della Struttura di missione “Dipartimento della gioventù” n° 6/2009 del 03/06/2009) racconta un’esperienza formativa fuori dal comune. Un percorso che ha consentito a tanti giovani, dal nord al sud d'Italia, di acquisire  fiducia nelle proprie capacità e nell’azione di cambiamento che la diffusione di idee può produrre a partire dal proprio piccolo, inteso come scuola, quartiere, città. Il progetto ha permesso a ragazzi e ragazze di conoscere altre realtà e di condividere un percorso per costruire qualcosa di migliore. E sono i protagonisti del progetto a dare la definizione migliore: "Noi giovani siamo l’occhio del ciclone, più ci mettiamo al lavoro e ci diamo da fare, più il domani di tutti sarà migliore".

ACQUA: ORO BLU DEL MONDO

Esistono tanti buoni motivi per consumare l'acqua in modo intelligente, evitando inutili sprechi, modificando tutte quelle nostre cattive abitudini adottando una serie di semplici e corretti comportamenti quotidiani. Il cui unico prezzo è solo la buona volontà. Rispettare e risparmiare l'acqua è facile... basta farlo! Segui la nostra mostra e scopri perché l'acqua ha più valore dell'oro, e perché dobbiamo considerarla come una risorsa da salvaguardare per il bene del mondo, quindi anche dell'umanità. Realizzazione a cura di Acquedotto del Fiora, la mostra è visitabile all’interno dell’omonimo stand.

H?O

L’accesso all’acqua è ancora oggi un’importante sfida per lo sviluppo che la comunità internazionale non è riuscita a fronteggiare. Una delle scommesse centrali di questo secolo sarà quindi il riconoscimento del diritto universale all’acqua, elemento centrale per lo sviluppo umano e strumento di lotta alla povertà. Sfide che arrivano fino a noi affinché ognuno, informato sulle ripercussioni globali dello spreco idrico sia chiamato ad adottare accorgimenti salva-acqua. Campagna WATER – Water Access Through Empowerment of Rights promossa da: Cevi, Cicma, Cipsi, Cospe, Legambiente, Cerai (SP), France Libertés (FR), Green Belgium (BE), Kessa Dimitra (GR), Humanitas (SL), TNI (PB).

TERRA

L’attuale modello mondiale di sviluppo agricolo è fortemente contraddittorio in termini di sostenibilità delle comunità a livello sociale e ambientale. Le comunità del sud del mondo subiscono infatti le conseguenze di un modello agricolo condizionato da un’impostazione poco rispettosa della sostenibilità ambientale e sociale dei loro territori e delle tradizioni locali. Al contrario le comunità del nord rischiano di perdere i profondi significati che caratterizzano il rapporto tra uomo e terra.

L’AMBIENTE E’ UN DIRITTO

Il Delta del Niger è una delle 10 più importanti zone umide ed ecosistemi marini di costa del mondo e vi abitano circa 31 milioni di persone. Vi si trovano enormi depositi di petrolio, estratto per decenni dal governo della Nigeria e dalle imprese come Shell,Eni e Total. Dal 1960 il petrolio ha generato un guadagno intorno ai 600 bilioni di dollari. Ciononostante, la maggioranza della popolazione vive in povertà senza accesso adeguato ad acqua pulita o all'assistenza sanitaria. Le aziende hanno sfruttato la debolezza del sistema normativo e non hanno adottato misure sufficienti nel prevenire i danni ambientali e il devastante impatto dei loro errori sulle vite delle persone.

Realizzata da Amnesty International www.amnesty.it

VIVAMAZZONIA

Associazione senza fini di lucro che opera nel campo dell’educazione, della salute e del lavoro nella foresta amazzonica brasiliana, presenta un’esposizione dei risultati delle attività didattiche realizzate dai bambini della scuola creata per sostenere progetti di alfabetizzazione nonché dei prodotti di artigianato dell’Associação Artesãos do Rio Jauperi, risultato tangibile di un lungo lavoro di formazione e discussione partecipata e alternativa economica compatibile con l’ambiente.

Torna indietro