Alimentazione a Festambiente

08.06.2012 11:11 a cura di Festambiente

ALIMENTAZIONE

Sono diverse le iniziative legate all'alimentazione all'interno di FestAmbiente. L’intenzione è quella di suggerire ai visitatori un percorso dei sensi, proponendo loro alimenti tipici e biologici, presentando le produzioni di qualità e a marchio, puntando sui prodotti tradizionali e a filiera corta del nostro paese. Festambiente dedica così ampio spazio alla cultura del cibo proponendo salumi e formaggi di alta qualità, verdure coltivate secondo la tradizione e tutti i prodotti alimentari che coniugano al meglio modalità di produzione e materie prime usate nel rispetto della natura e della salute dell’individuo. All’interno del Festival il visitatore potrà degustare un menù ricco tutto made in Italy scegliendo tra i tradizionali punti di ristoro, tra i quali il ristorante biologico più grande d'Italia, tre ristoranti e tre bar, che utilizzano prodotti biologici e tipici.

Nella scelta delle proposte si è preferito curare la qualità delle materie prime, valorizzare la professionalità del team di cucina, ricercare e studiare i piatti migliori in relazione all'alto numero di coperti da soddisfare. Perché bisogna ricordare che preparare singole ricette di verdure per 2-300 persone ognuna implica difficoltà tecniche e organizzative di alto livello se si vogliono rispettare criteri di alta qualità finale ed è proprio su questo che ruota il lavoro quotidiano della cucina di Festambiente.

CHEF GIUSEPPE CAPANO

Da molti anni coordina, organizza e sovraintende tutto questo complesso lavoro lo Chef Giuseppe Capano fortetl_files/file redazione sito/immagini pagine/Alimentazione/libri-giuseppe-capano2.jpg di un ricco repertorio di conoscenze e esperienze sulla cucina delle verdure e sull'intreccio strategico tra cibo e salute. Una capacità testimoniata, tra le altre cose, dai 18 libri di cucina che lo chef ha finora scritto e pubblicato e che affrontano nei dettagli i temi di una sana alimentazione coniugata alla soddisfazione del gusto, alla valorizzazione delle materie prime vegetali, al rispetto della sostenibilità ambientale.
Visita il sito http://www.chefgiuseppecapano.it

tl_files/file redazione sito/immagini pagine/Alimentazione/Pino Capano2.jpgLa cucina del ristorante biologico di Festambiente segue una strada tracciata in molti anni di lavoro e che col tempo ha portato a delineare una linea di cucina delle Verdure dove vengono coniugate le moderne indicazioni nutrizionali con la secolare tradizione mediterranea.

È una cucina basata sulle straordinarie risorse organolettiche del mondo vegetale e di solo questo mondo si fa forza sfruttando le sinergie tra verdure, ortaggi, legumi e cereali arricchiti dove necessario con latticini e uova.

Couscous rinfrescante ai legumi e erbe aromatiche

tl_files/file redazione sito/immagini pagine/Alimentazione/couscous-rinfrescante-legumi.jpg

 Preparazione:

  1. Mondare e lavare zucchine e peperone tagliando le due verdure a dadini, sbucciare e tritare l’aglio, pulire i cipollotti conservando gran parte delle sommità verdi e affettarli sottilmente.
  2. Sfogliare, lavare e asciugare menta, basilico e maggiorana, portare a ebollizione il brodo, spegnere la fiamma, aggiungere il couscous, coprire e lasciare riposare per 10 minuti.
  3. Rosolare velocemente l’aglio insieme a 1-2 cucchiai d’olio d’oliva, aggiungere le zucchine, salare e cuocere per 10-12 minuti aggiungendo a metà cottura i ceci.
  4. In un altra padella rosolare per 6-7 minuti i cipollotti insieme a 2 cucchiai d’olio, unire piselli e peperone, salare e cuocere per 15 minuti circa, pelare i pomodori, eliminare i semi interni, tagliarli a dadini e mescolarli con i fagioli cannellini, poco olio e un pizzico di sale.
  5. Stendere il couscous su un vassoio e con una forchetta sgranarlo e intiepidirlo, condirne 1/3 con le zucchine aromatizzate con la maggiorana, 1/3 con piselli e peperone aromatizzati con la menta spezzettata, 1/3 con i pomodori aromatizzati con il basilico spezzettato finemente.
  6. Regolare eventualmente di sale il cereale nelle tre versioni, pressarlo in piccoli stampi ad anello e servirne tre di diverso abbinamento per ogni commensale oliando in tavola a piacere il tutto e decorando con olive nere.

Foto e ricette copyright Giuseppe Capano

DOVE MANGIARE

RISTORANTE BIOLOGICO-VEGETARIANO

tl_files/file redazione sito/immagini pagine/Alimentazione/Self service - bassa.jpg

Il ristorante vegetariano più grande d'Italia propone ogni sera alimenti genuini, gustosi e naturalmente biologici. I visitatori, usufruendo del pratico servizio a self-service e di un’ampia offerta di menù tutti vegetariani, potranno assaggiare piatti ricchi di sapore costituiti esclusivamente da alimenti sani e biologici, di filiera corta e preparati in esclusiva per Festambiente dallo chef internazionale Giuseppe Capano.

RISTORANTE PECCATI DI GOLA

tl_files/file redazione sito/immagini pagine/Alimentazione/Peccati di gola2.JPG

Coperto da un cielo stellato e immerso tra gli ulivi si trova il ristorante Peccati di Gola che attira ogni anno numerosi visitatori. La cucina del ristorante propone ogni sera un menù di degustazione a prezzo fisso con piatti tipici e tradizionali della cucina toscana tra cui: acquacotta, peposo, stracotto di carne maremmana, vini come il Morellino di Scansano e molte altre sorprese appetitose.

LA STUZZICHERIA

tl_files/file redazione sito/immagini pagine/Alimentazione/Stuzzicheria - bassa.jpg

Se girando fra gli stand la fame si fa sentire, allora è il momento giusto per una piccola sosta alla nostra “stuzzicheria” dove potrete trovare panini imbottiti, gustose insalate biologiche, stuzzichini preparati con prodotti tipici e di qualità, macedonie di frutta fresca e gelati biologici e biodinamici. Provare per credere!

I BAR

tl_files/file redazione sito/immagini pagine/Alimentazione/Agora caffe - bassa.jpg

Sono 3 i bar presenti all'interno della festa. "Bim bum bar” è il bar situato nell'area dedicata ai più piccoli dove tutto è a misura di bambino. Tra un esperimento, una degustazione-gioco e uno spettacolo, i graziosi tavoli e gli sgabellini colorati del bar saranno uno spazio perfetto per una sosta rigenerante. Frutta fresca, appetitosi stuzzichini, panini, gelati e biscotti saranno i protagonisti della merenda biologica di Festambiente. Per i più grandi ci sono invece l’“Agorà Cafè” e il “Bar Il Girasole”, che propongono splendidi aperitivi, succhi di frutta, bevande fresche, panini...tutto all'insegna della naturalità.

OFFICINA DEI SAPORI

tl_files/file redazione sito/immagini pagine/Alimentazione/botti.jpg

Un chiosco rustico arredato con botti di vino dove gustare taglieri di salumi, formaggi di tutti i tipi e sfiziosi piatti di verdure, accompagnati da vini selezionati e birre artigianali. Il tutto utilizzando solo piatti, bicchieri e posate compostabili.
Per approfondimenti e maggiori informazioni consultare il sito www.officinadeisapori.it.

ENOGASTRONOMIA

Estate in forma con la dieta mediterranea

del dott. dott. Matteo Giannattasio

I Fondamenti

Non è un regime di restrizione come potrebbe far pensare il terminetl_files/file redazione sito/immagini pagine/Alimentazione/dieta.jpg
“dieta”, che per antonomasia è quella dimagrante fatta di rinunce, ma si tratta invece di una serie di raccomandazioni dietetiche che si ispirano ai comportamenti alimentari che i paesi del mediterraneo condividono, nonostante le loro tradizioni culinarie possano essere diverse per motivi culturali, storici e religiosi.

Questo regime assicura un’assunzione equilibrata di grassi ed è inoltre povero di proteine animali e ricco, invece, di fibre, composti antiossidanti e tante altre sostanze salutari. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità sono proprio questi i requisiti di una dieta idonea a ridurre il rischio d’insorgenza delle malattie degenerative. 

Crediamo di seguirla ma non è vero

Una domanda che ho l’abitudine di fare ai pazienti è se si alimentano seguendo i canoni della dieta mediterranea. Quasi tutti mi rispondono affermativamente ma poi, indagando, scopro che gran parte di loro se ne discosta in maniera palese, abbandonandosi al pessimo costume del “troppo grasso”, “troppo dolce” e “troppo salato”. Merita di essere citato, a questo riguardo, un recente studio realizzato da ricercatori italiani che ha dimostrato che tanto minore è l’aderenza del nostro regime alimentare alla dieta mediterranea e tanto maggiore è il rischio di insorgenza di malattie degenerative.

 

Meglio con prodotti biologici

Purtroppo oggi le benefiche proprietà insite negli alimenti, su cui si fonda la dieta mediterranea, sono mortificate dai metodi agronomici (impiego di ibridi, monocoltura, concimazione con nitrati) e dalla tossicità dei residui di pesticidi con cui si trattano le colture e che persistono nei prodotti destinati al consumo umano.

Sono sempre più numerose le ricerche che provano che i prodotti biologici sono non solo più saporiti, ma anche più salutari di quelli dell’agricoltura chimica perché contengono quantità più elevate di sostanze benefiche come minerali, vitamine, antiossidanti e acidi grassi polinsaturi.Oggi, se vogliamo davvero mettere in pratica i principi della dieta mediterranea, dobbiamo mangiare biologico. Ovviamente, sono inoltre più sicuri per quanto riguarda la contaminazione da residui di pesticidi.

Torna indietro